MIGLIORANO I FLUSSI TURISTICI DEL NOSTRO COMUNE

MIGLIORANO I FLUSSI TURISTICI DEL NOSTRO COMUNE

MIGLIORANO I FLUSSI TURISTICI DEL NOSTRO COMUNE

L’Agenzia Regionale del Turismo #PugliaPromozione ha pubblicato i dati sui flussi turistici del nostro Comune.
Grande orgoglio per gli ottimi risultati: si registra un incremento di arrivi e presenze nel nostro territorio dal 2014 sino ad oggi di +6.381 turisti, italiani e stranieri. Lo straordinario boom è del 2017 con oltre 10 mila persone che hanno soggiornato e visitato la nostra Città.

La forte crescita e il merito di questi straordinari risultati indubbiamente sono da attribuire alla ricchezza e bellezza del nostro patrimonio culturale ed ambientale.

Ringraziamo anche tutti gli operatori turistici, le strutture ricettive e i ristoratori galatonesi che hanno promosso il nostro territorio, donando ospitalità e accoglienza a tutti i turisti.

Questi dati devono essere un punto di partenza per fare sempre meglio, per investire e promuovere progetti di valorizzazione del territorio, per rendere la nostra comunità centro di sviluppo e crescita dell’intero Salento.

Il Sindaco 
Flavio Filoni

Inaugurazione Asilo Nido “Casa dei Bambini” Maria Montessori

Galatone (Le) – 8 aprile 2018 – via Rosselli 18 – Inaugurazione Asilo Nido “Casa dei Bambini” Maria Montessori – Interventi di Laura Cicerello (Amministratore Coop. Soc. Regina della Pace), Flavio Filoni (Sindaco di Galatone), Luigi Arcuti (Sindaco di Aradeo), Antonio Gabellone (Presidente della Provincia di Lecce), Luigi Mazzei (Capo di Gabinetto presso la Provincia di Lecce), Antonella Maggiore (già Dirigente dei servizi sociali), Elisabetta Taurino (Pedagogista), Mariagrazia Sodero (Presidente Ambito di Nardò) e Caterina Dorato (Assessora alle Politiche Sociali) – Benedizione di Don Francesco Tarantino (Parroco del sacro Cuore) – Video di Mauro Longo

Inaugurazione della sede della Pro Loco Nardò e Terra d’Arneo

Nardò (Le) – 7 aprile 2018 – Castello Acquaviva – Inaugurazione della sede della Pro Loco Nardò e Terra d’Arneo – Interventi di Carlo Longo (Presidente Pro Loco Nardò e Terra d’Arneo), Salvatore Lega (Chef), Rocco Lauciello (Presidente Regionale UNPLI), Soave Alemanno (Onorevole), Giulia Puglia (Assessore al Turismo Nardò), Cosimo Durante (Presidente GAL Terra d’Arneo) e Cristian Casili (Consigliere Regionale Puglia) – Video di Mauro Longo

RIGENERAZIONE URBANA 3 MILIONI DI EURO PER GALATONE E SECLÌ

RIGENERAZIONE URBANA 3 MILIONI DI EURO PER GALATONE E SECLÌ

RIGENERAZIONE URBANA: 3 MILIONI DI EURO PER GALATONE E SECLÌ

Il progetto di Rigenerazione Urbana presentato dal Comune di Galatone in associazione con il Comune di Seclì, per un valore di circa 3 milioni di eurosarà finanziato dalla Regione Puglia.

L’Assessore Regionale alla Pianificazione Territoriale, Alfonsino Pisicchio, ha infatti annunciato ieri che la dotazione a disposizione di questo capitolo è stata aumentata di altri 60 milioni di euro, sui 115 inizialmente disponibili. Con i 175 milioni adesso a disposizione degli 83 comuni che avevano presentato istanza, sarà quindi possibile coprire adesso fino al 40esimo posto della graduatoria che vede il comune di Galatone classificato al 36esimo posto, con un punteggio di 92,23.

«Sono molto soddisfatto – ha detto l’Assessore Pisicchio – perché grazie al lavoro di squadra con il collega assessore al Bilancio, Raffaele Piemontese, ed in seguito alle tante richieste pervenute dai sindaci e dagli amministratori locali da ogni parte della Puglia, stiamo dimostrando concretamente che la Rigenerazione Urbana è un tema molto sentito dalle comunità. Rigenerare non è un mero atto urbanistico e tecnico ma significa migliorare la qualità della vita, le relazioni sociali, il contesto abitativo e creare le migliori opportunità per lo sviluppo e la crescita dei singoli territori». «Abbiamo mantenuto un impegno preciso – ha concluso Pisicchio – aumentare le risorse disponibili per allargare il numero dei soggetti beneficiari e per dar sostegno a tanti progetti innovativi e virtuosi».

L’ambito territoriale 1: Periferia Est – Zona 167 del Comune di Galatone sarà interessato dall’efficientamento energetico di parte del centro sportivo polivalente, la permeabilizzazione delle aree a parcheggio e la valorizzazione delle infrastrutture a verde pubblico esistenti, l’applicazione delle tecnologie digitali come mezzo di prevenzione e gestione dei rischi, l’ampliamento dei collettori di captazione delle acque meteoriche, il contenimento del disagio abitativo, il recupero dei percorsi interni al parco archeologico di Fulcignano e la messa in sicurezza  e recupero del Castello di Fulcignano. Monumento vincolato ai sensi del D. Lgs. 42/2004 da destinare ad associazionismo teso alla tutela dei minori e dei cittadini, a scuola di teatro sociale e luogo di socializzazione ed eventi.

Il Comune di Galatone è stato riconosciuto quindi, come sottolinea l’Assessore alle Politiche Urbanistiche ed Assetto del Territorio Arch. Daniela Colazzo “Autorità Urbana” associato con  Seclì, per territorialità adiacente. È stata valutata e apprezzata la strategia scelta per la delimitazione dell’Area Urbana, che ha tenuto conto  delle criticità presenti sul territorio, dal punto di vista sociale, strutturale ed economico per migliorare l’ambiente urbano. Tra i quattro ambiti presenti nel D.P.R.U. il Comune di Galatone sceglie di indirizzare l’attenzione esclusivamente su di un ambito dal titolo: “URBAN 0”,  avvalendosi esclusivamente  della professionalità, della passione, della competenza tecnico-amministrativa di tutto il IV° Settore dell’Area Urbanistica.

“E’ la vittoria di una comunità intera oltre ad essere l’attestato – tangibile – del lavoro svolto con senso di responsabilità dall’intera Amministrazione Comunale. Per Galatone la Rigenerazione Urbana deve rappresentare un punto di svolta nello sviluppo e crescita del paese, fin dal primo giorno abbiamo sempre sostenuto che la partecipazione ai bandi fosse indispensabile per reperire risorse esogene da utilizzare per migliorare la qualità della vita cittadina. Un finanziamento importante non solo nei numeri ma soprattutto per quello che realizzeremo” il commento del Sindaco Flavio Filoni.

Ufficio del Sindaco

Allegoria e simbologia nel mosaico pavimentale della Cattedrale di Otranto

Nardò (Le) – 6 aprile 2018 – Aula Magna Seminario Diocesano – L’AICC di Nardò ha organizzato la conferenza “Allegoria e simbologia nel mosaico pavimentale della Cattedrale di Otranto” tenuta dalla prof.ssa Mariapia Carlucci – Nel video gli interventi di Alfredo Sanasi (Presidente AICC Nardò) e Mariapia Carlucci – Video di Mauro Longo

LA COMUNE MEMORIA

Lecce – 1 novembre 2012 – “Il Portavoce”, rubrica a cura di Enrico Longo in onda su MyboxTV, presenta “La comune memoria” – Ospiti: Teresa Zaniewska, Marta Cywinska e Wojtek Pankiewicz – Regia di Michele Mariano

Il 1° novembre del 2012 tenni a Lecce una puntata de “Il Portavoce”. Illustri ospiti della puntata furono due intellettuali polacche, Teresa Zaniewska, preside di facoltà presso l’Università di Varsavia e Marta Cywinska, docente di lettere nello stesso ateneo e poetessa, insieme al prof. Wojtek Pankiewicz nella veste di Vice presidente della comunità polacca presente in Italia. Ispiratore della puntata fu il compianto Stefano Esposito, profondo e appassionato ricercatore sulle vicende del Secondo Corpo d’Armata polacco, comandato dal generale Anders. Tutti i protagonisti della puntata avrebbero partecipato il giorno dopo all’annuale celebrazione degli eroici soldati polacchi presso il cimitero di Casamassima.
Per l’importanza degli argomenti trattati e per un rispettoso omaggio alla memoria dell’amico scomparso “La Postilla” ritiene utile ripubblicare l’intero documento.

        Enrico Longo
(Direttore de “La Postilla”)

Cooperativa di Comunità di Galatone – Cooperare Crea Valore Comune

Galatone (Le) – 3 aprile 2018 – Palazzo Marchesale – “Cooperativa di Comunità di Galatone – Cooperare Crea Valore Comune” incontro pubblico per approfondire le tematiche del progetto di costituzione della Cooperativa di Comunità – Interventi di Giancarlo Tuma (Presidente del Comitato Promotore), Flavio Filoni (Sindaco di Galatone), Maurizio Pinca (Assessore allo sviluppo economico), Carmelo Rollo (Presidente Regionale di Legacoop) e Pasquale Ferrante (Direttore Legacoop Puglia) – Video di Mauro Longo

Stefano Esposito, studioso e uomo di pace

Stefano Esposito, studioso e storico del II Corpo d'Armata polacco in Italia

Stefano Esposito, studioso e storico del II Corpo d’Armata Polacco in Italia

Si è spento qualche giorno fa Stefano Esposito, un salentino di Matino, grande conoscitore e ricercatore appassionato della gloriosa storia del II corpo d’armata comandato dal leggendario generale Wadislaw Anders, presente negli anni del secondo conflitto mondiale in tanti comuni del Salento.

Non gli ho mai chiesto come fosse nata in lui la passione perché non ne ho mai avuto il tempo. Ogni nostro incontro, infatti, dopo i brevi convenevoli era subito pienamente assorbito dalle narrazioni sull’unico argomento che occupava la sua mente. Una conoscenza approfondita e puntuale di ogni evento e personaggio, dei passaggi dei militari nelle varie zone d’Italia, la descrizione dei cimiteri italiani di Montecassino, Bologna, Loreto, Casamassima dove riposano tante vittime del glorioso II corpo d’armata, e poi, in particolare, la mai conchiusa ricerca sulla sua presenza nel territorio salentino. Una presenza che molti hanno lasciato a uno sbiadito ricordo, ma che Stefano voleva che fosse trasmessa alle nuove generazioni perché non si interrompesse la linea della storia e si conservasse la gratitudine nei confronti di un popolo amico.

Dunque, lunghe narrazioni e l’invito a prendere visione di una miriade di fotografie dell’epoca che testimoniavano la presenza dei militari polacchi, la figura del generale Anders e di alti ufficiali, le scuole di formazione volute dal generale per i suoi soldati che a causa degli impegni militari non avevano potuto frequentare regolari corsi di studio. Scuole nate con la collaborazione con il nostro ministero dell’istruzione, che furono organizzate ad Alessano, a Matino, a Gallipoli, a Lecce, nella nostra Galatone, nell’edificio di via XX Settembre. Molte fotografie riportavano luoghi e palazzi non identificati, per i quali andava cercando persone che potessero squarciare gli ultimi veli dei dubbi e delle incertezze in tutti i centri della provincia. Queste foto me le mostrava con orgoglio e con ossessione in ogni incontro. In una occasione trascorremmo una intera mezza giornata nella sua casa di Matino, dov’era il grosso del materiale fotografico, gelosamente conservato. Una notevole conoscenza storica, una passione incredibile e un importantissimo patrimonio documentale su un periodo di notevole importanza della nostra storia nazionale.

Il Portavoce incontra a Lecce Teresa Zaniewska Marta Cywinska e Wojtek Pankiewicz

“Il Portavoce” incontra a Lecce Teresa Zaniewska, Marta Cywinska e Wojtek Pankiewicz

L’incontro con Stefano Esposito rappresentò per me e per la webtv per la quale allora operavo un momento di svolta. Sulla questione della presenza polacca organizzai alcune puntate della mia rubrica “Il Portavoce”. Nella prima occasione, a Lecce furono ospiti Teresa Zaniewska e Marta Cywinska, rispettivamente una docente dell’Università di Varsavia e una poetessa  polacca, venute per l’annuale celebrazione nel cimitero di Casamassima e il prof. Wojtek Pankiewicz nella veste di Vice presidente della comunità polacca presente in Italia. Fu una puntata fortunatissima della rubrica e una indimenticabile esperienza che mise in luce il profondo e significativo legame che da sempre unisce il popolo italiano e quello polacco. Successivamente Stefano Esposito mi chiese di incontrare un importante giornalista polacco con tanto di fotografo al seguito venuti per le sue ricerche e infine mi propose la recensione a un libro di poesie di una poetessa italiana di Casamassima, anch’essa studiosa della presenza dell’esercito polacco in Italia.

Fu anche per me, dunque, un intenso periodo di interesse e di studio e di attività sulla webtv.

La notizia della scomparsa di Stefano pertanto rattrista e addolora. Viene a mancare un amico, una persona perbene, un uomo profondamente legato alla sua terra e aperto al mondo. Che odiava la guerra e non concepiva steccati tra le nazioni e che attraverso la ricerca andava creando dei ponti di rispetto e di solidarietà tra due popoli civili e amici da sempre: il popolo italiano e quello polacco.

Un uomo che andrebbe conosciuto meglio e ricordato.

Enrico Longo